giovedì 26 gennaio 2012

Lenticchie 'my way'

I love lenticchie! Tra di noi non c'è stato subito feeling perché da piccola non ne volevo sapere e, da testarda, non volerne sapere significa che non c'era verso per farmele assaggiare.
Poi un giorno di colpo le ho provate e mi sono piaciute subito, soprattutto in questa versione. E' quella che fa mia mamma ed è tuttora la mia preferita.
Da quando ho una cucina mia mi sono fatta regalare una pentola di cotto, ideale per legumi e cereali e perfetta per le cotture lente. Ormai quando per fretta (mannagia a lei!) ho provato a cucinarle in una pentola normale non mi soddisfano più come prima...
E' una stupidata, anche perché cuociono da sole, in un'oretta e mezza, piccolo particolare ma a me piacciono anche a temperatura ambiente o riscaldate, quindi ne faccio in quantità in anticipo per poi mangiarle anche il giorno dopo. Anche sta volta ho fatto la ricetta 'ad occhio' quindi non saprei darvi le dosi ma vi do lo spunto perché a me piace parecchio. 



INGREDIENTI:
  • lenticchie (grosse o piccole come preferite);
  • salsa di pomodoro (in questo caso non era solo salsa ma è decisamente preferibile!);
  • dado vegetale;
  • vino;
  • acqua;
  • olio;
  • rosmarino, salvia e alloro;
Vedete voi se le lenticchie che usate hanno bisogno di essere messe in ammollo prima.
Versare un filo d'olio in una pentola (di cotto sarebbe preferibile altrimenti normale, esce lo stesso cambiando un po' il sapore ma per tanti anni io ne ho fatto a meno quindi non è indispensabile) e aggiungere il dado vegetale facendolo un po' rosolare. A questo punto aggiungere le lenticchie e sfumare con un goccio di vino bianco. Quando si sono asciugate aggiungere la salsa di pomodoro (non tantissima ma si deve vedere e sentire) e allungare con l'acqua necessaria per farle cuocere. Le prime volte ne aggiungevo un po' per volta appena asciugavano tenendo da parte un pentolino con dell'acqua calda. Inserire l'alloro, il rosmarino e la salvia, coprire e lasciare cuocere tranquillamente un'oretta, oretta e mezza. Controllate la cottura che dipenderà anche dalle lenticchie che state usando. A me non piacciono troppo liquide quindi tendo a non mettere troppa acqua ma anche quello è soggettivo. Se state usando la pentola di cotto bisogna tenere conto che la cottura andrà avanti anche dopo avere spento il fornello, quindi bisogna spegnere quando sono ancora leggermente al dente.


Ecco qui la mia riserva fumante!

Un muggito e un saluto,
Silvia e Olivia.



9 commenti:

  1. Stupende, morbide, calde, avvolgenti, gustose....... sono perfette!!!! non ho la pentola in cotto, mi piacerebbe provarla, per il momento mi accontento di guardare la tua meraviglia!!!!!

    RispondiElimina
  2. Guarda a me è piaciuta subito, la suocera ce l'aveva a casa e l'ho provata là prima di farmela regalare ma fino ad un anno e mezzo fa ne ho fatto a meno...

    RispondiElimina
  3. Stellina, sul mio blog mi sono permessa di citarti, per ringraziarti della tua magnifica ricetta degli gnocchi di zucca: sono stupendi, grazie, grazie grazie, mai mangiati degli gnocchi di zucca così buoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati non ho fatto altro che provare una ricetta, mi fa piacere ti siano piaciuti così tanto, arrivo subito da te a sbirciare :-)

      Elimina
  4. La cottura nella pentola di coccio ha davvero una marcia in più. Ottime le lenticchie in questo modo, perfette anche per scaldare queste gelide giornate. Piacere di conoscervi, a rpesto e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, piacere mio, grazie e buon we anche a te, spero meno lavorativo del mio

      Elimina
  5. complimenti un blog carinissimo mi sono aggiunta se ti va passa mi farebbe piacere

    RispondiElimina
  6. Ciao! Che carino il tuo blog! Adoro le lenticchie...ne mangerei a kili!

    RispondiElimina